i2Sicurezza
Servizi per la sicurezza sul lavoro

NEWS SICUREZZA SUL LAVORO

  • OT23 INAIL: pubblicati gli interventi ammessi per richiedere lo sconto di tariffa per l'anno 2022

    È stato pubblicato dall’INAIL pochi giorni fa il nuovo modello di domanda OT23 per la riduzione del tasso medio di tariffa per prevenzione per l’anno 2022. Il modulo riguarda gli interventi per il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro, aggiuntivi a quelli previsti dalla normativa cogente, che sono messi in atto dalle aziende durante l’anno precedente alla presentazione della domanda. 

    COME FUNZIONA?

    Per accedere alla riduzione per l’anno 2022 è necessario effettuare nell’anno 2021 degli interventi di miglioramento del livello di salute e sicurezza tra quelli definiti dall’INAIL e presentare l’apposita domanda, unitamente alla documentazione probante richiesta. La pratica deve essere presentata in modalità telematica (portale INAIL) entro il 28 febbraio 2022.

    Ad ogni intervento migliorativo è associato uno specifico punteggio ed è necessario raggiungere la somma di almeno 100 punti per poter accedere alla domanda di riduzione del tasso medio. 

    QUALI SONO I POSSIBILI INTERVENTI MIGLIORATIVI?

    Nel modello pubblicato dall’INAIL sono indicate le sezioni e gli interventi di miglioramento considerati validi per presentare la domanda:

    SEZIONE INTERVENTO
    A  PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI MORTALI   (NON STRADALI) A-1  Ambienti confinati e/o sospetti di inquinamento
    A-2  Prevenzione del rischio di caduta dall’alto
    A-3  Sicurezza macchine e trattori
    A-4  Prevenzione del rischio elettrico
    A-5  Prevenzione dei rischi da punture di insetto
    B  PREVENZIONE DEL RISCHIO STRADALE    
    C  PREVENZIONE DELLE MALATIE PROFESSIONALI C-1  Prevenzione del rischio rumore
    C-2  Prevenzione del rischio chimico
    C-3  Prevenzione del rischio radon
    C-4  Prevenzione dei disturbi muscolo-scheletrici
    C-5  Promozione della salute
    C-6  Prevenzione del rischio microclimatico
    D  FORMAZIONE, ADDESTRAMENTO,     INFORMAZIONE    
    E  GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA:     
       MISURE  ORGANIZZATIVE
       
    F  GESTIONE DELLE EMERGENZE E DPI    

     

    Per ogni tipologia di intervento l'INAIL indica una serie di documenti da presentare per giustificare l'esecuzione dell'intervento migliorativo: vediamo un esempio.

    Intervento C1 - Prevenzione del rischio rumore

    C-1.2 - L’azienda ha insonorizzato uno o più ambienti di lavoro

    L'azienda che effettuata questo genere di interventi nell'anno 2021 dovrà darne evidenza a febbraio 2022 con la seguente documentazione probante:

    • Relazione tecnica dell’intervento di insonorizzazione
    • Fatture comprovanti la realizzazione dell’intervento nell’anno 2021
    • Indagine fonometrica ante e post intervento ai sensi dell’art. 190 del d.lgs. 81/08

    Il nostro Studio offre il servizio di assistenza per la presentazione della domanda di riduzione del tasso medio per prevenzione e per la predisposizione della documentazione (es. indagini fonometriche, formazione,...).
    Per maggior informazioni e per verificare se la tua azienda può richiedere lo sconto contattaci: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  | Tel. 0421 276274 

  • Riduzione tasso medio INAIL per prevenzione: primo gruppo di FAQ

    L’11 settembre 2020 l’Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) ha pubblicato un’istruzione operativa, contenente un gruppo di FAQ sulle richieste più frequenti in merito alla riduzione del tasso medio Inail per prevenzione. 

    Sono disponibili, dunque, dei chiarimenti riguardanti gli interventi migliorativi di prevenzione previsti dal modello OT23 2021 e la conseguente documentazione ritenuta probante, per richiedere la riduzione del tasso medio di tariffa 2021.

     

    Si riporta di seguito la tabella Inail indicante la riduzione del tasso medio di tariffa in relazione al numero dei lavoratori-anno del triennio della Pat, calcolati secondo le modalità previste dall’art. 20 Mat:

     Lavoratori-anno del triennio della Pat  Riduzione
    Fino a 10 28%
    Da 10,1 a 50 18%
    Da 50,01 a 200 10%
    Oltre 200 5%

      

    Per sapere come funziona la riduzione del tasso medio Inail leggi la nostra News!

    Se vuoi ottenere maggiori informazioni per la tua azienda, non esitare a contattarci:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – tel. 0421 276274

  • Riduzione tasso medio INAIL per prevenzione: online la guida per il 2021

    Come ogni anno l'INAIL premia le aziende che investono in sicurezza sul lavoro consentendo di ottenere uno scontro sul tasso medio di tariffa.

    Lo sconto, denominato "oscillazione per prevenzione", riduce il tasso di premio dovuto all'Inail. Le aziende in possesso dei requisiti per il rilascio della regolarità contributiva ed assicurativa ed in regola con le disposizioni obbligatorie in materia di prevenzione infortuni e di igiene sicurezza del lavoro (pre-requisiti), se eseguono interventi migliorativi delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, possono presentare domanda attraverso il modello OT23.

    In questi giorni è stata pubblicata la guida alla compilazione del modulo OT23 e una versione aggiornata del modulo OT23 per inoltrare la domanda di riduzione del tasso medio per prevenzione per l’anno 2021.

    Di seguito i link di approfondimento:

    Per maggior informazioni e per verificare se la tua azienda può richiedere lo sconto contattaci: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  - tel. 0421 276274 

  • Nuovo modello INAIL OT23 per la riduzione del tasso medio di tariffa per prevenzione

    È disponibile a questo link il modello OT23, che sostituisce il precedente OT24 ed è utilizzabile dalle aziende fino al 29 febbraio 2020.

    Tra le novità, gli interventi migliorativi per il reinserimento lavorativo degli infortunati da lavoro e l’inclusione dell’adozione delle prassi di riferimento, validate nel 2018, per imprese del settore edilizio e per le micro e piccole imprese artigiane.

    La richiesta va presentata telematicamente non oltre il 29 febbraio 2020.

    Come si assegna il punteggio. A ogni intervento realizzato viene assegnato un punteggio. Per poter accedere alla riduzione del tasso occorre averne compiuti in numero tale che la somma dei rispettivi punteggi sia pari almeno a 100. Generalmente, per raggiungere i 100 punti richiesti è possibile selezionare interventi di qualunque sezione del modulo, ad eccezione di quelli riferiti alla responsabilità sociale delle imprese, nella cui sezione specifica (B) la soglia del punteggio massimo deve essere raggiunta senza ulteriori cumuli.

    Gli allegati da presentare. La documentazione certificante l’avvenuto intervento deve essere presentata insieme alla domanda. I documenti devono riportare la data e la firma del datore di lavoro, ma, a seconda degli interventi, anche di altri soggetti idonei. Per quanto attiene alle azioni riguardanti l’implementazione oppure l’adozione di “procedure”, oltre a data e firma sono necessarie anche l’esplicitazione dei contenuti e delle evidenze documentali di attuazione riferite all’anno 2019.

    [Fonte: INAIL]

  • Infortuni brevi: dal 12/10/17 obbligo di segnalazione all’INAIL

    Da giovedì 12 ottobre 2017 i Datori di Lavoro devono comunicare all’Inail – a fini statistici e informativi – gli infortuni subiti dai lavoratori con prognosi superiore a un giorno oltre a quello dell’infortunio (DML 183/2016).

     

    PROCEDURA

    La procedura prevede che il lavoratore – in seguito all’infortunio – debba far certificare dal medico aziendale, dal pronto soccorso o dal proprio medico curante, la diagnosi e i giorni di presunta inabilità. Il medico stesso è poi tenuto a inviare all’Inail il certificato.

    Da quel momento, i dati della certificazione sono resi disponibili dall'INAIL a tutti i soggetti obbligati a effettuare la denuncia di infortunio e, pertanto, anche al datore di lavoro.

    La comunicazione va eseguita dal Datore di Lavoro entro 48 ore dalla ricezione dei dati del certificato medico.

    La segnalazione all'INAIL può essere fatta solo tramite invio telematico (salvo che per i lavoratori dell’agricoltura, i lavoratori addetti ai servizi domestici e familiari e di riassetto e pulizia locali, i lavoratori occasionali di tipo accessorio dell’agricoltura e i datori di lavoro privati cittadini per i quali non è attivo il servizio di trasmissione telematica).

    Si ricorda che il lavoratore ha l’obbligo di comunicare tempestivamente al datore di lavoro l’infortunio, come previsto dall’articolo 52 del Dpr 1124/65. In caso di omessa comunicazione e nel caso in cui il lavoratore non abbia nemmeno inoltrato la certificazione (obbligo che deve essere assolto dal medico che certifica la prognosi), il lavoratore perde il diritto al risarcimento da parte dell’Inail.

     

    LE SANZIONI PER IL DATORE

    È prevista la sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a 1.800 euro per l’omessa o ritardata comunicazione degli infortuni di durata superiore a un giorno (comunicazione a fini statistici).

    La sanzione va da 1.000 a 4.500 euro per la violazione dell’articolo 18, comma 1, lettera r), in riferimento agli infortuni di durata superiore ai tre giorni (comunicazione a fini assicurativi)

     

     

     

Pagina 1 di 2
© Copyright 2021 - i2Sicurezza | Sicurezza sul lavoro e formazione professionale specialistica e finanziata by i2Sicurezza - Created by Fabio Rizzo

Studio i2Sicurezza - Via Zappetti, 20 - 30026 Portogruaro (VE) - P.IVA 02544480276 - Privacy e note legali