Emergenza Coronavirus – Nuove Ordinanze per le Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia

Emergenza Coronavirus – Nuove Ordinanze per le Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia

La Regione Veneto e la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia hanno emanato ieri 12 novembre 2020 delle ordinanze regionali con lo scopo di contrastare e gestire l’emergenza da COVID-19.

Si segnala che la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia con una nuova ordinanza, ha revocato la precedente del 12 novembre, vista l'applicazione di disposizioni più restrittive con l'inserimento della Regione nei territori "arancioni". Per sapere quali sono le nuove misure previste, leggi la nostra news.

In generale, le ordinanze ricordano le consuete misure che prevedono l’utilizzo corretto della mascherina, precisando che, nel momento di abbassamento della mascherina per regolare consumo di cibo o bevande o tabacchi, dovrà essere assicurata in ogni caso la distanza minima di un metro, salvo quanto disposto da specifiche previsioni più restrittive. Resta altresì obbligatorio l'utilizzo della mascherina sui mezzi privati se presenti a bordo persone tra loro non conviventi.

La Regione Veneto ha pubblicato, inoltre, dei chiarimenti in merito alle misure adottate con la nuova ordinanza.

Le diposizioni principali riguardano le attività commerciali, le attività di somministrazione di alimenti e bevande e la scuola, e avranno efficacia dalla mezzanotte del 13 novembre, fino al 22 novembre per il Veneto e fino al 29 novembre per il FVG.

 

ATTIVITÀ COMMERCIALI

Le nuove misure adottare dalle Regioni per le attività commerciali sono le seguenti:

  • L’accesso agli esercizi di vendita di generi alimentari è consentito ad una persona per nucleo familiare, fatta salva la necessità di accompagnare persone con difficoltà o minori di età inferiore a 14 anni.
  • Si raccomanda fortemente agli esercenti di riservare ai soggetti con almeno 65 anni di età, l’accesso agli esercizi commerciali di grandi e medie strutture di vendita nelle prime due ore di apertura.
  • Nei giorni festivi e prefestivi gli esercizi di vendita di grande e media struttura (per le definizioni specifiche si rimanda alla L.R 28/12/2012, n. 50 del Veneto e per la Regione FVG al seguente link), sia con un esercizio unico, sia con più esercizi, comunque collegati, ivi compresi i complessi commerciali (e i parchi commerciali nel Veneto), sono chiuse al pubblico, salvo che per la vendita di generi alimentari, le farmacie, le parafarmacie, le tabaccherie e le edicole.
  • Inoltre, nei giorni festivi, è vietato ogni tipo di vendita, anche negli esercizi di vicinato, al chiuso o su area pubblica, fatta eccezione per le farmacie, le parafarmacie, te tabaccherie, le edicole e la vendita di generi alimentari. La regione FVG precisa che rimangono aperte anche le attività di ristorazione, quali bar, ristoranti, pasticcerie, gelaterie.
  • Per i mercati all’aperto su area pubblica o privata sono definite specifiche regole che prevedono l'organizzatone di piani predisposti a livello comunale e il rispetto delle indicazioni presenti nelle Linee guida regionali.

ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

Per le attività di somministrazione le disposizioni regionali prevedono che:

  • Le attività di somministrazione di alimenti e bevande dalle ore 15 fino alla chiusura, si svolgono solamente con consumazione da seduti sia all’interno che all’esterno dei locali, su posti che sono regolarmente collocati e, precisa la Regione FVG, nel rispetto delle Linee Guida delle Regioni relativamente alla distanza minima interpersonale di un metro
  • La consumazione di alimenti e bevande è vietata all’aperto su area pubblica o aperta al pubblico, tranne che sulle sedute degli esercizi e secondo le modalità descritte nel precedente punto.
  • Come indicato nel paragrafo precedente, le attività di ristorazione rimangono aperte nei giorni festivi ed è sempre consentita e raccomandata, anche nei giorni festivi e prefestivi, la vendita con consegna a domicilio.

SCUOLE

Per le scuole di primo ciclo scolastico (primarie e secondarie di primo grado) sono sospese le tipologie di insegnamento considerate a rischio elevato: educazione fisica, lezioni di canto e lezioni di strumenti a fiato. La Regione FVG specifica inoltre che è vietata anche l’attività dei cori e di utilizzo di strumenti a fiato in assenza delle misure preventive descritte dalle Linee guida per la ripresa delle attività produttive del 08/10/2020 nella sezione produzioni liriche, Sinfoniche ed Orchestrali e Spettacoli musicali.

Di seguito i link ai documenti per tutti gli approfondimenti:

 

Per ogni informazione contattaci: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; tel. 0421 276274