PUBBLICATO IL NUOVO ACCORDO STATO REGIONI 7 LUGLIO 2016

hammer 802302 1920È stato pubblicato dalla Conferenza Stato Regioni il testo dell’Accordo sulla formazione dei responsabili e degli addetti dei servizi di prevenzione e protezione ai sensi dell’articolo 32 del Decreto legislativo 9 aprile 2008 n.81, approvato nella seduta del 7 luglio 2016.

Di seguito si riportano le principali novità introdotte:

  1. Modifiche al percorso formativo per Responsabili e Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP e ASPP) non datori di lavoro, in particolare al Modulo B;
  2. Novità in merito alle ore di aggiornamento per RSPP/ASPP: 40 ore per RSPP e 20 per ASPP nei cinque anni. Viene introdotta la possibilità di riconoscimento reciproco degli aggiornamenti tra RSPP e Formatore e tra RSPP e CSP/CSE; la possibilità di effettuare gli aggiornamenti in modalità e-learning; viene prevista la partecipazione a convegni e seminari (senza limite di partecipanti) per max 50% del monte ore.
  3. Definizione dei requisiti dei docenti dei corsi di formazione RSPP/ASPP (in linea con quanto disciplinato dal Decreto 6 marzo 2013);
  4. L'impiego dell’e-learning anche per la formazione specifica (oltre che per la formazione generale) per mansioni nei macrosettori a RISCHIO BASSO ed il Modulo A del corso RSPP;
  5. Nuova possibilità per i Datori di Lavoro in possesso dei requisiti per lo svolgimento diretto dei compiti del servizio di prevenzione e protezione di cui all’articolo 34 del d.lgs. n. 81/2008 di poter svolgere esclusivamente nei riguardi dei propri lavoratori, la formazione di cui all’accordo CSR del 21 dicembre 2011 anche se non in possesso del requisito relativo alla capacità didattica stabilito dal decreto interministeriale 6 marzo 2013;
  6. La formazione dei lavoratori in caso di somministrazione di lavoro viene effettuata a carico del somministratore che informa i lavoratori sui rischi per la sicurezza e la salute connessi alle attività produttive e li forma e addestra all'uso delle attrezzature di lavoro necessarie allo svolgimento dell'attività lavorativa per la quale essi vengono assunti. Il contratto di somministrazione può prevedere che tale obbligo sia adempiuto dall'utilizzatore.

Testo Nuovo Accordo Stato Regioni 7 Luglio 2016