i2Sicurezza
Servizi per la sicurezza sul lavoro

Ambiente

AMBIENTE

Scegliendo i2 privilegi la professionalità delle persone che ti aiuteranno nel tuo lavoro consigliandoti sempre la scelta migliore per la tua attività, per te e per i tuoi dipendenti.

SERVIZI OFFERTI

  • Valutazione di impatto ambientale (VIA e VAS)
  • Denuncia rifiuti MUD
  • Pratiche per autorizzazione scarichi
  • Progettazione impianti depurazione
  • Pratiche per autorizzazione emissioni in atmosfera
  • Progettazione impianti trattamento aria
  • Perizie
  • Monitoraggio qualità dell’aria, dell’acqua e classificazione dei rifiuti
  • Assistenza tecnico-legale
  • Formazione in tema ambientale

  • 27 Mar

    Abolizione definitiva SISTRI ed istituzione del “Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti”

    Nella Gazzetta Ufficiale n. 36 del 12.02.2019 è stata pubblicata la Legge 11.02.2019 n. 12 “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 14 dicembre 2018 n. 135 (Decreto Semplificazioni)” che è entrata in vigore in data 13 febbraio 2019 e il cui articolo 6 prevede i seguenti punti:

    - dal 1° gennaio 2019 è soppresso il SISTRI e di conseguenza non sono dovuti i relativi contributi annuali;

    - dal 13 febbraio 2019 è istituito il “Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti” a cui dovranno iscriversi “enti e le imprese che effettuano il trattamento dei rifiuti, i produttori di rifiuti pericolosi e gli enti e le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale o che operano in qualità di commercianti ed intermediari di rifiuti pericolosi, i Consorzi istituiti per il recupero e il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti, nonché, con riferimento ai rifiuti non pericolosi, i soggetti di cui all'art. 189, comma 3, del D.Lgs. 152/06 (Comuni, o loro consorzi e le comunità montane).

    I termini di iscrizione, modalità di funzionamento, adempimenti (anche economici) e le norme sanzionatorie a carico dei soggetti obbligati all'iscrizione al nuovo sistema per la tracciabilità dei rifiuti saranno stabiliti con successivo decreto del Ministero dell'Ambiente:

    - dal 1° gennaio 2019 e fino al termine di piena operatività del Registro elettronico nazionale i soggetti garantiscono la tracciabilità dei rifiuti effettuando gli attuali adempimenti (registri di carico/scarico, formulari di trasporto rifiuti denuncia annuale rifiuti MUD), compresa la compilazione e tenuta dei registri di carico/scarico e dei formulari in formato digitale e la trasmissione della quarta copia del formulario di trasporto rifiuti anche mediante PEC, continuando ad applicarsi le relative regole e le sanzioni.

    Denuncia annuale rifiuti MUD 2019: variazione modalità di compilazione modulistica e proroga termine di presentazione

    Si informa che sulla Gazzetta Ufficiale n. 45 del 22.02.2019 è stato pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 24.12.2018 “Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2019” con il quale è stato approvato il nuovo modello MUD per l'anno 2019 relativo all'anno di riferimento 2018.

    L'adozione della nuova modulistica ha comportato lo slittamento del termine per la presentazione della dichiarazione dal 30 aprile 2019 al 22 giugno 2019.

    Link al testo della Gazzetta Ufficiale in formato PDF: https://www.gazzettaufficiale.it/eli/gu/2019/02/12/36/sg/pdf

  • 26 Apr

    Regolamento misure e sui requisiti dei prodotti fitosanitari per uso sicuro da parte di utilizzatori non professionali

    Nota del Ministero della Salute in merito al Decreto n. 33 del 22 gennaio 2018 sulla vendita ed utilizzo di prodotti fitosanitari per utilizzatori non professionali

    In data 20 aprile 2018 è stata pubblicata dal Ministero della Salute una nota esplicativa in merito alle norme del Decreto n. 33 del 22 gennaio 2018 recante "Regolamento sulle misure e sui requisiti dei prodotti fitosanitari per un uso sicuro da parte degli utilizzatori non professionali”.

    La nota spiega che i prodotti interessati saranno indicati in etichetta con la seguente dicitura: "prodotto fitosanitario destinato agli utilizzatori non professionali" e dalla sigla PFnPO (ornamentali) o PFnPE (edibili). Il decreto entrerà in vigore il 2 maggio e saranno regolari solamente i prodotti che rispetteranno i requisiti degli articoli 7 e 8.

    I prodotti che, dal 16 agosto p.v. risulteranno privi della citata dicitura in etichetta saranno ad esclusivo “uso professionale”, a prescindere dagli impieghi autorizzati e dalla classificazione di pericolo.  L’implementazione delle misure e dei requisiti previsti dal Decreto determinerà la netta demarcazione delle due categorie di prodotti, per uso professionale o non professionale, consentendo la piena efficacia delle disposizioni dell’art.10, comma 3, del D.lgs. n. 150/2012.

    Obblighi per gli utilizzatori professionali

    L’utilizzatore professionale che intenda acquistare e/o utilizzare i suddetti prodotti, PFnPO o PFnPE, è comunque tenuto al possesso del certificato di abilitazione, da esibire all’acquisto, ed è sottoposto agli adempimenti previsti per i prodotti fitosanitari per uso professionale, concernenti la registrazione dei trattamenti, lo stoccaggio e lo smaltimento ecc.

    Obblighi per i rivenditori

    Il rivenditore di PFnPE è tenuto al possesso dell’abilitazione alla vendita di cui all’art. 8 del D.lgs.150/2012, mentre la vendita al dettaglio dei PFnPO è consentita anche ai rivenditori non specificatamente qualificati nel settore dei prodotti fitosanitari, presso supermercati, garden-center e altri canali della microdistribuzione, come già previsto ai sensi dell’art. 28 del
    D.P.R. n 290/2001 per tale tipologia di prodotti.

    Il rivenditore di prodotti per uso non professionale è tenuto a fornire all’acquirente informazioni generali sui rischi per la salute umana e l’ambiente connessi al loro uso, sui pericoli connessi all’esposizione, in particolare sulle corrette condizioni di stoccaggio, manipolazione ed uso e per lo smaltimento sicuro, nonché sulle alternative eventualmente disponibili.

    Il rivenditore dovrebbe, inoltre, orientare l’acquirente per la scelta della taglia più adatta alle sue esigenze in funzione del numero di piante da trattare o dell’estensione dell’area, in quantitativi non eccedenti il reale fabbisogno ed informarlo sulla durata massima di validità dell’autorizzazione. Nel locale di vendita deve essere affissa apposita cartellonistica contenente le informazioni generali sopra richiamate.

    Link al decreto e alla nota esplicativa pubblicati dal Ministero della Salute:

    Decreto 22 gennaio 2018

    Nota del 20 aprile 2018

     

  • 15 Gen

    VIA E VAS: CORSI ON LINE IN ARRIVO SUL NOSTRO SITO!

    COSA SI INTENDE PER VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE E VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA?

    La valutazione di impatto ambientale (VIA) è una procedura amministrativa di supporto per l'autorità competente [come Ministero dell'Ambiente o Regione] finalizzata ad individuare, descrivere e valutare gli impatti ambientali di opere civili e industriali. La valutazione di impatto ambientale viene effettuata dopo l'elaborazione del progetto.

     

    La Valutazione Ambientale Strategica (VAS) è un processo finalizzato ad integrare considerazioni di natura ambientale nei piani e nei programmi di sviluppo, per migliorare la qualità decisionale complessiva. La Valutazione di impatto strategica, viene eseguita contestaulmente all'elaborazione del piano o programma.

    A breve, sul nostro sito saranno disponibili corsi on line per VIA e VAS.

     

© Copyright 2019 - i2Sicurezza | Sicurezza sul lavoro e formazione professionale specialistica e finanziata by i2Sicurezza - Created by Fabio Rizzo

Studio i2Sicurezza - Via Zappetti, 20 - 30026 Portogruaro (VE) - P.IVA 02544480276 - Privacy e note legali